Vocolinc L1, la lampadina Smart compatibile con HomeKit

11
Vocolinc L1

Con Vocolinc scende ancora il prezzo per quella che, a seguito delle nostre prove, si è rivelata essere un’ottima lampadina Smart controllabile da smartphone e tablet ma, soprattutto, compatibile con HomeKit di Apple, potendo perciò beneficiare di tutti i vantaggi sia per quanto riguarda la prima sincronizzazione (come vi spiegheremo è praticamente questione di un minuto) che per la gestione rapida dal Centro di Controllo o dall’app Casa di Apple, senza dimenticare l’immancabile “Hey Siri” per gestire tutto senza mani.

Com’è fatta

E’ grande quanto una classica lampadina ed è anche piuttosto leggera: pesa infatti appena 90 grammi, il che significa che l’azienda è riuscita a contenere tutta la tecnologia in un peso molto vicino a quello di una comune lampadina, con cui condivide anche l’aspetto esteriore. In effetti, rispetto alla comune lampadina a incandescenza, è diversa solo nella copertura del bulbo che, anziché in vetro, è in policarbonato e con una copertura opaca che ne nasconde l’interno. Dal punto di vista dell’illuminazione, stando alle nostre prove, è più che sufficiente per illuminare bene una stanza di circa 25-30 metri quadrati.

Dati tecnici

  • Consumo: 6W, 40W equivalente
  • Temperatura colore: 2400K–5300K
  • Colore della luce LED: 16 milioni di colori
  • Flusso luminoso: 470 lumen
  • WiFi: 802.11 b/g/n 2.4 GHz

Primo accoppiamento

Dopo averla fissata al portalampada (attacco E27), è necessario accendere l’interruttore che la attiva e configurarla con il proprio smartphone. Si può utilizzare l’applicazione gratuita LinkWise (per iOS e Android) oppure si può effettuare la configurazione attraverso l’applicazione Casa di iOS, in quanto la lampada è completamente compatibile con HomeKit di Apple.

Noi abbiamo preferito quest’ultimo sistema ma in entrambi i casi la procedura di accoppiamento non cambia: è infatti sufficiente avviare l’app e seguire le istruzioni su schermo, inquadrando con la fotocamera dello smartphone il codice univoco apposto sia sulla lampadina, sia all’interno della confezione. Per tutto il processo sono necessari poche decine di secondi, al termine dei quali la lampada sarà correttamente collegata alla rete WiFi di casa.

Come va

Sebbene sia possibile utilizzarla anche come classica lampadina, accendendola e spegnendola attraverso l’interruttore fisico, il controllo tramite smartphone apre ovviamente le porte a una maggiore personalizzazione della lampadina, a partire dalla colorazione. L’app Casa di Apple, come sappiamo, ci mette a disposizione una corona di colori già pronti che permettono di selezionare rapidamente una luce bianca neutra, alcune tonalità più fredde e altre più calde (l’ideale prima di andare a dormire). Si può anche regolare l’intensità di illuminazione su una scala da 0% (spenta) a 100%, adattandola così alle necessità del momento, ad esempio riducendola al 15–30% durante la visione di un film.

Come anticipato si può controllare la luce anche senza mani: bastano un “Hey Siri, accendi/spegni la luce” oppure un “Hey Siri, imposta la luminosità al XX%” per gestire le funzioni principali della lampada.

Si possono anche creare delle automazioni, ad esempio decidendo specifici giorni della settimana e orari in cui la luce deve accendersi o spegnersi, personalizzando anche temperatura colore e intensità luminosa. Possiamo quindi ad esempio programmare di farla accendere contemporaneamente alla nostra sveglia, con una luce bianca e soffusa, nei giorni della settimana in cui ci rechiamo in ufficio, oppure creare più automazioni come diversivo facendola accendere e spegnere per qualche decina di minuti in diversi momenti della giornata durante le vacanze, dando così la parvenza di essere in casa per scoraggiare i malviventi.

Se poi si acquistano più di lampadine, si potranno rinominare creando dei gruppi nell’app, ciascuna per ogni stanza. In questo modo si potranno accendere e spegnere tutte le lampade di una stanza in un sol colpo, oppure accendere e spegnere tutte le luci di casa con un solo comando vocale.

Vocolinc L1

Conclusioni

Come tantissime altre lampadine di questo genere, il fatto di poterla utilizzare indipendentemente dallo smartphone come una comune lampada ha permesso a tutta la famiglia di accendere o spegnere la luce della stanza in cui si trovava, anche per chi non ha installato l’app e non possiede un iPhone. Poter regolare temperatura colore e luminosità si è rivelato molto più utile di quanto pensassimo, specialmente se si utilizza la lampada in camera, dove possono fare la differenza alcune scene pre-impostate per risveglio, visione di un film o per i dieci minuti prima di coricarsi. Poter poi dire semplicemente “Spegni la luce” tenendo le mani al caldo sotto le coperte è qualcosa a cui non si potrà mai più rinunciare.

Pro

Non necessita di un Hub, facilmente inseribile in un contesto homekit, compatibile anche con Google Home e, prossimamente Alexa. Buona gamma cromatica. Prezzo concorrenziale.

Contro

La limitata intensità luminosa non la rende adatta come lampada principale di una stanza di medie dimensioni.

Prezzo al pubblico

Vocolinc L1 è in vendita su Amazon per 22,99 euro nel kit con una sola lampadina oppure 43,99 euro con due lampadine in confezione. Il prezzo è davvero interessante se pensiamo che lampadine di questo genere costano anche più del doppio. Come se ciò non bastasse, in questi giorni usando il codice SEKWELHA potete comunque comprarle in sconto: la singola lampadina vi costerà 19,54 euro mentre il kit da 2 lampadine scende a 37,39 euro (spedizione inclusa).

La distribuzione nei negozi retail è affidata ad Accessory Line.